Vene varicose: i rimedi della nonna

Le vene varicose sono un problema molto comune che colpisce quasi il 30% delle donne ed un 10% degli uomini. Le cause possono essere molteplici : obesità, ereditarietà e ore in piedi per questioni lavorative. Variano da soggetto a soggetto e danno – oltre che un fastidio a livello estetico – dolori, pesantezza e gonfiore delle gambe, sensazione di formicolio e bruciore sino ad arrivare a veri e propri problemi cardiaci.

Come si manifestano le vene varicose?

Il malfunzionamento delle valvole che aiutano il sangue a raggiungere il cuore, provoca le vene varicose. Si presentano come vene gonfie e ben visibili, di colore blu o rosso, normalmente sulle gambe, all’interno coscia e sulle caviglie. Non hanno una forma regolare e formano dei piccoli “nodi” che ostruiscono il corretto afflusso del sangue.

Si possono curare?

Fermo restando che condurre una vita sana e praticare sport possono prevenire il formarsi delle vene varicose, i metodi per curarle sono molti. Non tutti però vogliono ricorrere ad interventi chirurgici, laser o comunque invasivi. Ci sono molteplici rimedi naturali, con ricette antiche utilizzate dalle nostre nonne che han sempre portato benefici e mai controindicazioni. In ogni caso, il consiglio resta sempre quello di rivolgersi ad un medico che possa valutare le condizioni e le eventuali gravità.

I rimedi della nonna

Sin dai tempi antichi, metodi e ricette han sempre portato benefici per qualsiasi tipo di problema e/o fastidio, ecco perchè oggi vogliamo elencare i consigli e rimedi della nonna, quelli casalinghi ed a volte sconosciuti.

  • Aceto di mele: ricco di proprietà benefiche grazie ai sali minerali e vitamine. L’utilizzo per il solo condimento dell’insalata è decisamente riduttivo. Oltre a far bene al nostro organismo è un vero e proprio aiuto contro le vene varicose. Si consiglia di applicare un cucchiaio di aceto di mele direttamente sulle vene e cominciare un massaggio dal basso verso l’altro, aiutando così l’afflusso del sangue verso il cuore. Due volte al giorno, mattino e sera, per alcuni mesi.
    Se l’idea di “ungersi” non è gradita, basta diluire due cucchiaini di aceto di mele in un bicchiere d’acqua, mescolare e bere. Da fare sempre due volte al giorno, mattina e sera per alcuni mesi. Anche in questo caso i benefici non tarderanno ad arrivare.
  • Prezzemolo: è un antiossidante, ricco di vitamina c che favorisce la produzione di collagene. Inoltre contiene la “rutina” una sostanza naturale presente in molte piante, molti ortaggi e frutti di uso comune, ottimo per la cura dei capillari e delle vene, aiutandone la impermealizzazione dei tessuti.
    Il rimedio antico suggerisce di far bollire il prezzemolo tritato in acqua bollente per cinque minuti. Una volta raffreddato si aggiunge una goccia di olio di rosa ed uno di calendula. Dopo aver lasciato il composto in frigo per una decina di minuti, si applica – con l’aiuto di un batuffolo di cotone – sulle parti interessate.
  • Pomodori verdi: semplice e veloce rimedio antico per favorire la scomparsa delle vene varicose e lo sgonfiamento delle gambe. Tagliare semplicemente a fettine rotonde un pomodoro verde e posizionarlo sopra le zone interessate (una benda potrebbe essere d’aiuto per immobilizzarle). Tenere le fette di pomodoro fino al momento in cui si comincia ad avere una sensazione di formicolio (se non tollerata, togliere tutto e applicare acqua fredda). Ripetere l’operazione cinque volte al giorno. In due settimane si avrà un riscontro positivo.
  • Pomodori rossi maturi: ricco di proprietà curative nei semi con una sostanza simile all’aspirina: un acido che aiuta il sangue a diluire e rafforzare i vasi sanguigni.
    In questo caso i pomodori, dopo essere stati tagliati in fettine rotonde dovranno essere posizionati sulle zone interessate, fermati da delle bende e tenuti 3 ore. Dopo quelle ore le fette dovranno essere sostituite da altre – infatti è preferibile effettuare la procedura di notte o di sera. Il consiglio è di svolgere questa tecnica durante il periodo estivo ed il riscontro è individuale.
  • Aglio: uno dei rimedi naturali più utilizzati. Un aiuto prezioso per l’eliminazione delle tossine nel sangue migliorandone la circolazione. Una ricetta antica consiglia di affettare sei spicchi d’aglio e riporli in un barattolo di vetro pulito, per poi andare ad aggiungere il succo di tre arance e due cucchiai di olio di oliva. Dovrà poi riposare per 12 ore ed essere “agitata” al fine che si misceli completamente. Con l’aiuto delle dita, massaggiate alcune gocce sulla zona interessata, facendo movimenti circolari dolci per una quindicina di minuti, avvolgendola poi con un panno, senza toglierlo per tutta la notte. Da ripetere ogni giorno per diversi mesi, fino a quando non sarà visibile un miglioramento e di conseguenza la completa guarigione.

Alimentazione sana, fitness e rimedi naturali avranno benefici a lungo termine e le vene varicose potranno essere solo un fastidioso ricordo.